Come riciclare la plastica

Come riciclare la plastica

Di solito parliamo di rifiutare, ridurre e riutilizzare, ma il riciclaggio svolge anche un ruolo importante nella riduzione dell’inquinamento e nel costruire un mondo più sostenibile.

Il riciclaggio delle materie plastiche non compensa il danno ambientale generato dall’estrazione delle risorse o dalla produzione. Per questo consigliamo di evitare conteditori di un solo uso e di preferire contenitori di vetro riutilizzabili per conservare e riscaldare i prodotti alimentari,  l’acciaio inox, invece di plastiche monouso e per le bottiglie d’acqua, introdurre nella propria quotidianità la sana abitudine di utilizzare borracce da portare in giro.

Ad ogni modo, se ridurre i rifiuti di plastica a zero è troppo impegnativo, ecco una guida per voi sulle alternative migliori e peggiori:

Le principali materie plastiche da evitare sono:

PVC – Plastica 3: PVC o cloruro di polivinile, è comunemente considerato il più dannoso di tutte le materie plastiche. Esso rilascia le diossine cancerogene nell’ambiente quando viene fabbricato o incenerito e può ferire gli ftalati con l’uso.
PS – Plastica 6: tazze di schiuma o polistirene e scatole da “andare”, nonché tazze e contenitori trasparenti.
PC – Plastica 7: O policarbonato. Può potenzialmente allentare bisfenolo-A, un disfunzione ormonale noto.

Plastiche più sicure da utilizzare:

PETE – Plastica 1: il tereftalato di polietilene è considerato tra le plastiche più sicure, anche se alcuni studi indicano che l’uso ripetuto della stessa bottiglia o contenitore PETE potrebbe provocare lisciviazione di DEHP (diftalato).
HDPE – Plastica 2: utilizzato in alcune bottiglie di sport riutilizzabili, che sono molto meglio del # 7.
LDPE – Plastica 4 e 5: il polietilene a bassa densità e il polipropilene sono considerati sicuri.
PLA –  anche chiamato # 7: plastica sicura, biodegradabile, compostabile (non riciclabile) fatta da piante. Assicurarsi che sia stato certificato da BPI (Biodegradable Products Institute) prima del compostaggio.

Un altro modo di classificare le materie plastiche è:

HDPE – Bottiglie opache
PVC – Bottiglie trasparenti, con cuciture che attraversano la base
PET – Bottiglie trasparenti, con un punto stampato duro al centro della base
ABS – Tipicamente giocattoli in plastica, utensili da cucina e altre materie plastiche più resistenti
Tutto quanto sopra è riciclabile con plastica tranne PLA.

Come riciclare la plastica

Cosa succede con i nostri rifiuti quando lo dividiamo in diversi contenitori per la raccolta di rifiuti o in contenitori di riciclaggio?

Il miglior tipo di riciclaggio è Reverse Vending Machines (RVM), che raccolgono plastiche per il riciclaggio. Esistono quasi ovunque in Germania e in Scandinavia e la portata cresce in il Regno Unito.

Mettere la plastica nel contenitore di riciclaggio o nei punti di raccolta di plastica non significa necessariamente che verrà riciclata. Questa infatti dovrà:

  •  essere pulita per essere riciclata.
  • essere facile identificare quale tipo di plastica è.
  • essere riciclata nei contenitori corretti.

Anche se riciclare può sembrare un po’ complicato è importante crederci e continuare a farlo. Ne vale la pena a lungo termine. Perché se non ricicliamo, più plastica finirà sicuramente in discariche, acque sotterranee, fiumi e oceani.

Quindi, continua a riciclare le materie plastiche che non puoi evitare, ma assicurati di farlo bene.

Ascolta questo post

Share this post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *