Questo post è stato tradotto automaticamente. È possibile trovare il contenuto originale in spagnolo e inglese

Di solito parliamo di rifiuti, riduzioni e riutilizzo, ma il riciclaggio svolge anche un ruolo importante nella riduzione dell’inquinamento e nel costruire un mondo più sostenibile.

Semplicemente la riciclaggio delle materie plastiche non compensa il danno ambientale fatto quando la risorsa viene estratta o quando la plastica viene prodotta. Quindi, per le alternative più sicure, utilizzare contenitori di vetro resealabili per conservare e riscaldare i prodotti alimentari, una tazza di caffè in acciaio inox, invece di plastiche monouso e per le bottiglie d’acqua, provare la nostra bottiglia di vetro borosilicata resistente e leggera di Retap.

Ma se ridurre i rifiuti di plastica a zero è troppo impegnativo, ecco una guida per voi sulle alternative migliori e peggiori:

Le principali materie plastiche da evitare sono:

PVC – Plastica 3: PVC o cloruro di polivinile, è comunemente considerato il più dannoso di tutte le materie plastiche. Esso rilascia le diossine cancerogene nell’ambiente quando viene fabbricato o incenerito e può ferire gli ftalati con l’uso.
PS – Plastica 6: tazze di schiuma o polistirene e scatole da “andare”, nonché tazze e contenitori trasparenti.
PC – Plastica 7: O policarbonato. Può potenzialmente allentare bisfenolo-A, un disfunzione ormonale noto.

Plastiche più sicure da utilizzare:

PETE – Plastica 1: il tereftalato di polietilene è considerato tra le plastiche più sicure, anche se alcuni studi indicano che l’uso ripetuto della stessa bottiglia o contenitore PETE potrebbe provocare lisciviazione di DEHP (diftalato).
HDPE – Plastica 2: utilizzato in alcune bottiglie di sport riutilizzabili, che sono molto meglio del # 7.
LDPE – Plastica 4 e 5: il polietilene a bassa densità e il polipropilene sono considerati sicuri.
PLA – confuso anche chiamato # 7: plastica sicura, biodegradabile, compostabile (non riciclabile) fatta da piante. Assicurarsi che sia stato certificato da BPI (Biodegradable Products Institute) prima del compostaggio.

Un altro modo di classificare le materie plastiche è:

HDPE – Bottiglie opache
PVC – Bottiglie trasparenti, con cuciture che attraversano la base
PET – Bottiglie trasparenti, con un punto stampato duro al centro della base
ABS – Tipicamente giocattoli in plastica, utensili da cucina e altre materie plastiche più resistenti
Tutto quanto sopra è riciclabile con plastica tranne PLA.

plastic-screw-caps-2111253_1280

Cosa succede con i nostri rifiuti quando lo dividiamo in diversi contenitori per la raccolta di rifiuti o in contenitori di riciclaggio?

Il miglior tipo di riciclaggio è Reverse Vending Machines (RVM), che raccolgono plastiche per il riciclaggio. Esistono quasi ovunque in Germania e in Scandinavia e la portata cresce in il Regno Unito.

Mettere la plastica nel contenitore di riciclaggio o nei punti di raccolta di plastica non significa necessariamente che ricicli effettivamente:

  • La bottiglia deve essere pulita per essere riciclata.
  • Deve essere facile identificare quale tipo di plastica è.
  • Gran parte della plastica ancora finisce in discarica e viene incarcerata a causa della scarsa selezione o richiesta di rifiuti che possono essere bruciati per l’energia.

Ma non rinunciare al riciclaggio anche se è un po ‘complicato. Ne vale la pena a lungo termine. Perché se non ricicliamo, più plastica finirà sicuramente in discariche, acque sotterranee, fiumi e oceani.

Quindi, continua a riciclare le materie plastiche che non puoi evitare, ma assicuratevi di farlo bene.

Convidi: