Forse hai letto ultimamente la recente notizia secondo la quale  il 93% dell’acqua imbottigliata in tutto il mondo e il 92% dell’acqua del rubinetto sono contaminati da microplastiche. Un recente rapporto conclude anche che la maggior parte delle feci umane contiene microplastiche e non abbiamo idea di che impatto abbia sugli esseri umani.

I due studi sull’acqua in bottiglia e l’acqua del rubinetto svolti da Orb Media sono i più grossi attualmente sul campo. Orb Media ha analizzato 250 bottiglie da 9 diversi paesi in tutto il mondo. Una media di 40 particelle di plastica per gallone (un gallone equivale a 3,78 litri), ognuna delle quali più larga di un capello umano, è stata trovata nell’acqua imbottigliata.

Microplastics in bottled water

Ma il fenomeno non riguarda solo l’acqua in bottiglia. Un precedente studio di Orb Media, aveva già rilevato che il 94% dell’acqua del rubinetto negli Stati Uniti e il 72% in Europa conteneva microplastiche.

Siamo tutti preoccupati dell’impatto che potrebbe avere a medio e lungo termine per le persone e gli animali. Nessuno ne conosce ancora le conseguenze, ma meglio prevenire che curare.

  • Leggi di più sullo studio di Orb Media qui.
  • Leggi di più sullo studio di Orb Media qui and qui.

Come si possono rimuovere le microplastiche dall’acqua del rubinetto di casa?

Per cominciare, i più piccoli frammenti trovati nello studio erano delle dimensioni di 2,5 micrometri, anche se la maggior parte erano considerevolmente più grandi. È importante capire la dimensione di queste microplastiche, poiché ciò avrà un impatto sulla scelta della tecnologia di filtraggio per cui optiamo.

Esistono in commercio 3 tipi di filtri che possono ritenere microplastiche di tali dimensioni:

  • Filtri a carbone attivo granulare (GAC): filtra contaminanti fino ai 5 micrometri, per cui la maggior parte di queste plastiche viene eliminata.
  • Filtri a blocchi di carbone attivo: un filtro di carbone attivo che filtra contaminanti piccole fino a 2 micron e che elimina tutte le microplastiche possibili. TAPP 2 ne è un esempio, ed inoltre è dotato di cartucce biodegradabili al 100%.
  • Filtri a osmosi inversa: possono filtrare fino a 0.001 microns rimuovono dunque le microplastiche, ma sono molto più cari e richiedono manutenzione.

Che filtro scegliere?

Non ci sono ancora prove sul fatto che le microplastiche siano pericolose per la salute. Tuttavia, a causa delle loro piccole dimensioni, sono facili da digerire e sono ora oggetto di investigazione da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Un filtro a blocchi di carbonio di 2 micron o l’osmosi inversa filtrano perfino le microplastiche più piccole. Volendo prendere in considerazione il prezzo, un filtro a blocchi di carbone attivo è il modo economico ed ecologico per tenere la famiglia al sicuro dalle microplastiche. 

Non esitate a contattarci tramite la nostra chat o Facebook se avete altre domande, saremo lieti di rispondervi.

TAPP 2 è il primo filtro al mondo con cartucce di ricarica 100% biodegradabili. TAPP 2 è il modo semplice, intelligente, conveniente ed eco-compatibile per ottenere acqua fresca e limpida a casa. È progettato per adattarsi a qualsiasi rubinetto in meno di 30 secondi. L’app e la pagina web MYTAPP ti rivelano lo stato dei filtri, delle cartucce, i soldi risparmiati rispetto all’acqua in bottiglia e la riduzione dei rifiuti di plastica / CO2. Utilizza la tecnologia di microfiltrazione a base di noce di cocco filtrando oltre 80 contaminanti tra cui microplastiche, piombo, cloro, THM e altre sostanze.

Convidi: